Il 15 settembre 2023 ha avuto luogo la Giornata Internazionale della Democrazia. La scuola di Poschiavo ha aderito con entusiasmo all’iniziativa: tutte le 9 classi dell’istituto (circa 130 allieve e allievi) si sono ritrovate, con il proprio insegnante di classe e alcuni membri del Parlamento giovanile, per un caffè narrativo sui vari temi della democrazia. Catia Curti, responsabile del grado secondario I delle scuole di Poschiavo, ci racconta qualcosa di più su questa giornata.

Forte, intensa, liberatoria. Questi sono alcuni degli aggettivi usati dagli allievi del GSI di Poschiavo per definire l’esperienza del caffè narrativo tenutosi venerdì 15 settembre sul tema della democrazia. Un’ora e mezza di chiacchierate, discussioni, a volte di voci che si alzavano, altre di lacrime che scendevano. I membri del parlamento giovanile, allievi di terza che dallo scorso anno si fanno portavoce delle necessità dei giovani in valle, hanno scelto un tema, nel variegato mondo della democrazia, e lo hanno presentato alle singole classi. Da lì sono partite le discussioni.

La democrazia per noi

Si è parlato di libertà di espressione, arrivando a condividere esperienze di chi non sempre si sente libero di esprimersi ed essere sé stesso in famiglia, a scuola, con gli amici. Si è discusso di conflitti, a livello mondiale ma anche interiore. Ci si è chiesti cosa sia realmente l’uguaglianza e quanto ancora sia lontana la sua attuazione, sia nella multiculturalità globale che nella piccola realtà globale. Si è spaziato da cosa vuol dire eleggere dei rappresentati, partendo dalle votazioni a scuola per i membri del parlamento giovanile, a proporre delle iniziative culturali da portare avanti nelle lezioni. Ci si è interrogati su cosa sia un bene pubblico e quali sono i doveri di ciascuno per il mantenimento e il rispetto di ciò che appartiene a tutti.

Ogni classe, ogni gruppo, ogni allievo ha avuto modo, in queste due lezioni, di esternare i suoi pensieri, i suoi stati d’animo. Ha avuto l’occasione di parlare di temi spesso poco affrontati dai giovani e invece assolutamente utili e attuali. E ciascuno lo ha fatto con molta maturità e convinzione, mantenendo sempre alto il livello della discussione. L’esperienza ha riscosso un grande successo e in molti hanno già chiesto quando sarà il prossimo caffè narrativo.

Spesso si pensa che il tempo passato a chiacchierare sia tempo sprecato nella frenesia delle attività quotidiane. È invece una pratica assolutamente utile e salutare perché è propria dell’essere umano la necessità di condividere, di scambiare opinioni, di dialogare. E quale occasione migliore di un caffè narrativo per parlare di ciò che rende gli uomini felici e liberi: la democrazia!

Di Catia Curti, responsabile del grado secondario I delle scuole di Poschiavo

 

Natalie Freitag ha moderato l’intervisione #8 il 24 agosto 2023 a Basilea. Durante l’incontro, moderatrici e moderatori si sono confrontati, tra le altre cose, sulla questione della dimensione ideale del gruppo per un caffè narrativo. Natalie riepiloga le riflessioni che sono emerse.

All’intervisione 2023 di Basilea hanno partecipato 12 moderatrici e moderatori della Rete caffè narrativi.  Si sono incontrati per scambiare idee sul tema “caffè narrativi in grandi gruppi”. Il vivace scambio è iniziato già prima dell’evento con caffè e croissant. Dopodiché il gruppo ha iniziato con un caffè narrativo sul tema dell’estate. La corsa a piedi nudi come quintessenza dell’estate, le urla dei bambini in piscina, la libertà di vivere un ritmo quotidiano diverso, ma anche l’assenza delle compagne e dei compagni di scuola: i ricordi dell’infanzia si somigliavano. La conversazione si è poi inevitabilmente spostata sui numerosi tipi di gelato disponibili nelle piscine pubbliche. Sorprendentemente, tutte le persone del gruppo avevano un gelato preferito diverso!

Esperienze con gruppi numerosi

Johanna Kohn e Claudia Sollberger hanno quindi illustrato le loro esperienze con i gruppi di grandi dimensioni e hanno lanciato le seguenti domande in sala:

  • Qual è la dimensione ideale del gruppo per un caffè narrativo?
  • Qual è il numero minimo di persone che devono essere presenti perché si svolga una conversazione?
  • E a partire da quante persone diventa difficile moderare un caffè narrativo per una sola persona?

La professoressa Johanna Kohn e la moderatrice esperta Claudia Sollberger sanno per esperienza come moderare gruppi di 50 o 100 persone. Le persone partecipanti hanno esposto molte idee su come una moderatrice o un moderatore possono reagire quando al caffè narrativo arrivano più persone del previsto:

  • Per utilizzare il formato anche in eventi più grandi, è possibile avviare un caffè narrativo con poche persone sul podio. Il pubblico può seguire passivamente il caffè narrativo. In seguito, la narrazione può essere aperta al plenum.
  • Chi modera può dividere il gruppo numeroso in diversi tavoli. Idealmente, una persona per tavolo modera lo scambio. Le domande poste ai piccoli gruppi ai tavoli vengono poi riprese in plenaria.
  • Chi modera resta nel gruppo numeroso, ma viene supportata/o da una o due persone che la aiutano. Queste persone possono, ad esempio, portare il microfono a chi desidera intervenire.

Informare bene la committenza

La conversazione ha stimolato ulteriori racconti sulle proprie esperienze con gruppi di dimensioni diverse e, nel corso del pomeriggio, ha portato a uno scambio molto interessante sul pagamento, l’iscrizione e la cancellazione dell’iscrizione al caffè narrativo (oppure la mancanza di questa possibilità). Un’idea importante emersa è che la committenza deve essere ben informata e istruita affinché non si creino false aspettative. Spesso, infatti, non questa ha molta familiarità con l’offerta e può farsi un’idea sbagliata delle caratteristiche di un caffè narrativo.

A seguito di questo momento di scambio, si è giunti alla conclusione che sono possibili anche caffè narrativi in gruppi numerosi. La Rete caffè narrativi incoraggia tutte le moderatrici e tutti i moderatori a provarci e ad acquisire esperienza.

Dopo l’incontro, le persone partecipanti hanno gustato un ottimo pasto preparato dal Restaurant du coeur all’ombra del giardino della Zwinglihaus. Tutte e tutti erano d’accordo sul fatto di aver tratto molti benefici da questa giornata: lo scambio, la coesione del gruppo, i numerosi spunti per il proprio lavoro. Grazie a tutte le persone che hanno dato un contributo e un sostegno all’iniziativa!

A proposito: anche i nostri incontri regolari online sono degli ottimi strumenti per un breve scambio senza lunghi spostamenti! Li trovate in agenda.

 

Sull’autrice

Natalie Freitag è la coordinatrice regionale della Rete nella Svizzera tedesca. La donna, originaria della Svizzera orientale, ha moderato la conferenza e ha concluso affermando: “Vi invito a preparare con cura anche i caffè narrativi dove un solo cerchio di sedie non è più sufficiente”.

Il Coordinamento Pedibus Vaud ha scelto il formato del caffè narrativo per promuovere le sue attività intergenerazionali nella terza età e per rafforzare i legami tra gli anziani e i bambini che frequentano la scuola e altri centri parascolastici. Questi due gruppi hanno condiviso le loro storie e le esperienze vissute “sul tragitto casa-scuola”.

Intervista realizzata da Anne-Marie Nicole

Vanessa Merminod, cos’è il Pedibus?

Il Pedibus è un sistema di accompagnamento pedonale dei bambini tra i 4 e gli 8 anni nel tragitto casa-scuola sotto la sorveglianza di una persona adulta. Solitamente si tratta di genitori che a rotazione accompagnano i bambini lungo il percorso Pedibus. Nell’ambito del progetto Pedibus intergenerazionale, vogliamo sensibilizzare gli anziani all’importanza della mobilità dolce, dell’attività fisica e della coesione sociale, offrendo loro la possibilità di unirsi a una linea Pedibus.

Perché si è scelto il formato del caffè narrativo?

Il nostro obiettivo era quello di rafforzare i legami intergenerazionali tra persone che, pur non conoscendosi per forza, vivono nello stesso quartiere. Il caffè narrativo è un buon modo per far incontrare anziani e bambini, invitandoli a confrontarsi e condividere le loro esperienze e le loro storie su un tema che tutti conoscono o hanno conosciuto: il tragitto per raggiungere la scuola.

Come si sono svolti questi caffè narrativi?

All’inizio di febbraio di quest’anno si sono tenuti due caffè narrativi presso il Centre du Panorama, un luogo di incontro per anziani a Vevey. Gli anziani hanno invitato i bambini, le loro educatrici e i loro educatori nella loro “casa”, in un luogo a loro familiare. Considerata la grande affluenza, abbiamo dovuto organizzare due caffè narrativi paralleli, ciascuno per venti persone, moderati da Daniela Hersch ed Evelyne Mertens. Un terzo caffè narrativo si è tenuto a Morges, nell’ambito delle attività dei centri parascolastici. Questa volta sono stati i bambini ad accogliere gli anziani nel “loro territorio”. Per facilitare il dialogo, le moderatrici hanno portato con sé una serie di immagini suggestive relative al tragitto casa-scuola. Alla fine, per merenda abbiamo regalato a chi ha partecipato una scatola piena di cose buone: un souvenir perfetto per ogni generazione!

Come hanno reagito i/le partecipanti ai caffè narrativi?

Abbiamo ricevuto un feedback decisamente positivo ed entusiasta. Gli anziani hanno partecipato con piacere a un’attività intergenerazionale e i bambini sono stati contenti di fare qualcosa di diverso dalla solita routine. La felicità di raccontare le storie del proprio viaggio per andare a scuola è stata generale. Si è rivelato un tema particolarmente adatto a tutte le generazioni! Le regole stabilite all’inizio del caffè narrativo sono state molto apprezzate, soprattutto quella che impone di ascoltare, ma non necessariamente di parlare! Ascoltando le storie degli altri, anche chi era più riluttante ha acquisito fiducia e preso la parola. Anche i bambini più piccoli sono rimasti attenti durante la conversazione per ben 45 minuti!

C’è stato un momento che l’ha particolarmente colpita?

Certamente: a prescindere dall’epoca delle storie, il tragitto casa-scuola sembra essere sempre stato un momento speciale di amicizia. Da un lato, la storia di un’assistente sociale ventenne che accompagnava i bambini ha fatto eco a quella di un’anziana che ha raccontato di andare a scuola con la sua migliore amica, che tale è rimasta per tutta la vita. Anch’io ricordo di quel momento in cui ci si confidava tutto. Dall’altro, un bambino ci ha detto che il suo amico si era trasferito e che era triste di non poter più percorrere il tragitto con lui raccontandogli le sue storie.

Quali sono le sfide particolari che devono affrontare i caffè narrativi intergenerazionali?

Siamo ancora in una fase post-Covid in cui dobbiamo rilanciare alcune attività. Sia a Vevey che a Morges ci siamo resi conto dell’importanza del luogo scelto, soprattutto trattandosi di un’attività nuova: l’ambiente familiare ha contribuito a mettere a proprio agio sia gli anziani sia i bambini… anche se i bambini a volte sono più timidi nel prendere la parola! È emersa anche la questione della formazione equilibrata del gruppo di partecipanti. In base ai luoghi in cui si sono svolti i caffè narrativi, c’erano più anziani a Vevey e più bambini a Morges. Infine, a volte siamo limitati nella composizione da questioni logistiche e strutturali. A Morges, ad esempio, abbiamo dovuto programmare la merenda prima dell’inizio del caffè narrativo. D’altro canto, questo ci ha permesso di rompere il ghiaccio fin dall’inizio e di facilitare il dialogo in seguito.

Cosa pensate di fare prossimamente?

È sicuramente un formato che proporremo di nuovo, insieme ad altre attività artistiche e passeggiate nella natura, all’insegna dei valori del Pedibus: coesione sociale, senso di comunità, sicurezza e legami intergenerazionali.

 

Vanessa Marminod

Vanessa Merminod è la coordinatrice di Pedibus Vaud. Come tale, si occupa di far conoscere il programma Pedibus in tutto il Cantone e collabora con i Comuni, le scuole, la polizia stradale, ecc. Inoltre, sensibilizza e aiuta i genitori a creare percorsi Pedibus.

 

L’annuale tavola rotonda si è tenuta il 20 marzo 2023 a Olten. A seguito dell’incontro abbiamo celebrato insieme l’uscita del libro “Erzählcafés. Einblicke in Praxis und Theorie.” (Caffè narrativi. Approfondimenti teorici e pratici.).  Il team dei caffè narrativi è arrivato da tutte le parti della Svizzera per discutere insieme alle persone partecipanti se il racconto biografico possa contribuire al processo di costruzione della pace.

Le relatrici principali della giornata sono state l’attivista per la pace Lea Suter e la sociologa Kristin Thorshaug.

Foto: su gentile concessione

Lea Suter ha fornito spunti di riflessione e di dialogo sulla guerra, sulla pace e anche sull’impatto che le parole esercitano sul nostro modo di vedere il mondo. Lavora nel campo delle relazioni internazionali dal 2011, prima per le Nazioni Unite a Ginevra, poi per il think tank di politica estera foraus e per la società Svizzera-ONU. Nel 2017 ha aperto il blog PeacePrints, dove pubblica reportage di pace da zone di guerra. Lea Suter è mediatrice di pace e dal 2023 lavora come responsabile di programma per il settore del pluralismo presso il Think + Do Tank Pro Futuris, di recente fondazione, per il quale elabora eventi aggregativi improntati sul dialogo per risolvere il problema della polarizzazione nella società svizzera.

 

Foto: Interface

Kristin Thorshaug ha valutato il formato e la Rete Caffè narrativi per conto di Promozione Salute Svizzera, giungendo alla conclusione che la partecipazione ai caffè narrativi rafforza la partecipazione sociale e promuove importanti competenze di vita in età avanzata. Ha studiato sociologia in Norvegia e ha conseguito un CAS in materia di diversità e uguaglianza. Presso Interface Politikstudien Forschung Beratung effettua valutazioni e analisi di misure che promuovono le pari opportunità, l’integrazione e la partecipazione sociale.

 

Infine le persone partecipanti hanno avuto la possibilità di prendere parte a dei caffè narrativi di prova in tre lingue e a lavori di gruppo interattivi.

Un libro di successo

Dopo il convegno abbiamo brindato alla recente uscita della raccolta “Erzählcafés. Einblicke in Praxis und Theorie.” (Caffè narrativi. Approfondimenti teorici e pratici.). I tre editori e editrici Gert Dressel, Johanna Kohn e Jessica Schnelle hanno espresso la loro soddisfazione per avere portato a termine con successo questo progetto di due anni che ha visto coinvolte tante persone dalla Germania, dall’Austria e dalla Svizzera. Il libro può essere acquistato al prezzo speciale di 25 franchi da Johanna Kohn.

Alcuni commenti

“È stato un piacere rivedere volti noti e anche nuovi. La rete riunisce persone con background diversi, ma accomunate dall’intento di organizzare caffè narrativi con cura e passione. Quando alla tavola rotonda partecipano così tante persone motivate, torniamo a casa ricchi di stimoli e ispirazioni, pronti per rimetterci al lavoro e dar vita a nuovi caffè narrativi nella propria regione.”
Rhea Braunwalder, condirettrice dell’associazione Rete caffè narrativi

 

Foto: GaM

“Da una parte si ascolta e dall’altra si viene ascoltati, considerati. Tutto questo crea un clima di fiducia e stimola l’interesse verso chi ci sta di fronte.”
Ursula Gull, partecipante da Trüllikon 

 

 

“Se si vuole essere ascoltati – in un processo di comprensione o dialogo – servono anche persone che sappiano raccontare. La forza di riconoscere le esigenze altrui risiede nella capacità di ascoltare. Questo essere visti è il primo passo verso una convivenza pacifica, che io considero un processo graduale.”
Jessica Schnelle, partecipante da Costanza

 

Presentazioni e documenti

Oriana Togni è assistente sociale presso ProSenectute. Fra le altre attività che svolge presso la struttura “Cine…ma” di Gordola si occupa anche di organizzare e moderare i Caffè narrativi, cercando di andare incontro agli interessi e desideri dei partecipanti.

Testo: Valentina Pallucca

Come mai avete deciso di proporre i Caffè narrativi ai vostri utenti?

Oriana Togni: L’idea di proporre i caffè narrativi è emersa dopo essere venuti a conoscenza del progetto di percento culturale Migros. Questo tipo di progetto ci sembrava idoneo da proporre all’interno della Portineria sociale di quartiere, luogo dove si cerca di creare aggregazione, incontro e coesione sociale.

Chi partecipa ai vostri Caffè narrativi?

Chiunque può partecipare ai nostri caffè narrativi. La maggior parte delle persone che vi partecipa sono pensionati poiché solitamente vengono svolti nei pomeriggi, momenti in cui il resto della popolazione lavora. Per gli anziani poter partecipare a un momento di condivisione e dialogo simile è molto arricchente poiché permette loro di incontrare persone, tessere legami e diminuire così l’isolamento sociale e affrontare, allo stesso tempo, tematiche di vario genere restando al passo con i tempi.

Quali sono i temi che riscuotono maggior successo?

Nel 2022 abbiamo svolto 7 caffè narrativi all’interno della portineria Cine..ma di Gordola. Le tematiche affrontate spaziano in diversi ambiti: da quello sociale, a quello economico, culturale ed ecologico fino a sfociare in momenti più informali legati a racconti dei tempi passati. Un caffè narrativo che è stato molto apprezzato è stato quello sul tema “percorso casa scuola” svolto in collaborazione con l’associazione Pedibus. In questa occasione i partecipanti hanno spolverato nella memoria ricordi passati, raccontando i loro vissuti di quando erano bambini. In realtà tutto quello che riguarda tematiche del passato riscuote molto successo nelle persone poiché permette alle stesse di rivivere dei ricordi e riportare alla luce emozioni e momenti vissuti.

C’è un momento che ricordi in modo particolare?

Un caffè narrativo che mi è rimasto impresso nel cuore è stato quello legato al tema della migrazione. Sono rimasta piacevolmente stupita di come i partecipanti fossero molto sensibili alla tematica e ognuno di loro abbia potuto dimostrare sensibilità, empatia e apertura al prossimo a prescindere dall’origine culturale, dal ceto sociale, dal sesso o etnia che sia. È proprio vero come in questi momenti non si può mai smettere di imparare dal prossimo.

Cosa consiglieresti a chi desidera provare a moderare un Caffè narrativo?

Consiglierei vivamente di buttarsi in questa realtà. Di fatto si rimane piacevolmente stupiti dai vari punti di vista che emergono durante i racconti e che talvolta permettono di mettere alla luce delle visioni mai considerate prima. Oltre a ciò, la discussione coinvolge e indirettamente lega le persone creando una sorta di coesione sociale. Aspetto che all’interno del nostro lavoro cerchiamo ogni giorno di valorizzare.

 

CINE…ma di Gordola

La portineria di quartiere CINE…ma di Gordola è un progetto di ProSenectute. È un luogo aperto messo a disposizione della cittadinanza. Oltre a offrire i servizi tipici di una portineria di quartiere vuole essere un luogo di ascolto, ritrovo e scambio, a favore dell’intergenerazionalità e dell’inclusione sociale.

Nino Züllig è emigrata in Germania dalla Georgia in giovane età. Dal 2014 vive a Basilea, dove lavora come interprete. Insieme alla HEKS di Basilea Città e Campagna, ha condotto come moderatrice dei caffè narrativi interculturali. Persone originarie dell’Ucraina e della Georgia hanno parlato della propria nazione e della vita in Svizzera.

 

Ti ricordi del tuo primo caffè narrativo?

Nino Züllig: Come no! Nell’ambito del progetto AltuM – Terza età e migrazione, la HEKS di Basilea Città e Campagna voleva offrire dei caffè narrativi a persone anziane immigrate. Dato che lavoro da molto tempo come interprete per la HEKS, sapevano che parlo russo. Nella primavera 2022 ho tenuto il mio primo caffè narrativo. Hanno partecipato alcune persone rifugiate ucraine e una coppia georgiana di mia conoscenza.

Perché avete proposto il caffè narrativo in russo?

In Ucraina molte persone sono bilingui e, oltre all’ucraino, la loro lingua madre, parlano anche russo. In Georgia la maggior parte delle persone anziane è ancora in grado di comunicare in russo. Il russo rappresentava quindi la nostra lingua comune.

Come viene percepito da un’ucraina un caffè narrativo in russo?

Sapevo che avrei dovuto adottare la giusta cautela nell’offrire un caffè narrativo interculturale in russo. Non si può ignorare la politica. Di solito un caffè narrativo è un ritrovo piacevole in cui ci si sente a proprio agio. Nella mia iniziativa la guerra aleggia sempre sullo sfondo. Come moderatrice devo avere sempre molto tatto, di modo che la conversazione risulti tranquilla e pacifica e le persone si trovino bene. Sia quelle a cui piace parlare russo, sia quelle che non amano questa lingua. Penso di avere un buon riscontro perché vengo dalla Georgia e comprendo entrambe le parti.

Qual è il tuo consiglio?

Durante il caffè narrativo succede spesso che un’ucraina riceva una notizia dal marito in guerra e dunque si distragga. Capisco che poi ne voglia parlare. Nel mio ruolo di moderatrice devo andarle incontro e lasciarla esprimere, ma poi anche tornare al tema dell’incontro. Il caffè narrativo deve essere un luogo di distensione dove si possa parlare di qualcosa di diverso. Il mio consiglio per moderatrici e moderatori è cambiare argomento lentamente e con cautela.

Quali sono i tuoi argomenti preferiti?

Il mio primo argomento è stato “Io in Svizzera”. Le persone hanno riflettuto su come si sentono qui, su com’è stato in passato e sulle difficoltà che devono affrontare. Dopodiché ho individuato un altro argomento: “Vivere bene in Svizzera senza spendere troppo”. Ne è derivato uno scambio di esperienze molto arricchente. Una volta preso il ritmo, ho scelto anche temi più leggeri come “Bellezza e moda”.

Al tuo caffè narrativo partecipano soprattutto persone over 55. Cosa le preoccupa?

La lingua tedesca è lo scoglio principale: le persone anziane fanno fatica ad apprendere. Più si invecchia, più l’esperienza migratoria diventa difficile. Si arriva in un luogo di cui non si parla la lingua e non si conosce la cultura – un vero salto nel buio. Organizzo questi caffè narrativi con passione ed empatia, perché so comprendere bene le preoccupazioni delle persone.

Cosa ti ha sorpreso maggiormente?

Si fanno continuamente delle scoperte. A prescindere da dove siano cresciute le persone, alcune cose sono uguali dappertutto. Una volta abbiamo svolto un caffè narrativo con persone della Svizzera, dell’Ucraina e della Georgia. E abbiamo notato che da piccole tutte facevano giochi simili e avevano persino cibi preferiti simili. La mia conclusione è che il mondo è piccolo, non siamo poi così diversi.

Intervista: Anina Torrado Lara

Legenda: Nino Züllig ha proposto la preparazione dei biscotti come tema per un caffè narrativo.

 

L’intervistata

Nino Züllig ha studiato tedesco all’università in Georgia e si è trasferita in Germania da giovane. Nel 2014 si è spostata con il marito a Basilea. Lavora come interprete interculturale e organizza regolarmente caffè narrativi. Nel tempo libero ama stare con la famiglia e a contatto con la natura incontaminata.

Caffè narrativi interculturali

Dal 2022, nell’ambito del progetto AltuM – Terza età e migrazione, la sede di Basilea Città e Campagna della HEKS offre caffè narrativi. Sei mediatrici e mediatori culturali hanno seguito un apposito corso di formazione con Johanna Kohn e da allora propongono caffè narrativi in diverse lingue. L’iniziativa proseguirà anche quest’anno. I caffè narrativi sono legati tematicamente con altre offerte del progetto AltuM di Basilea Città e Campagna.

Tra giugno e dicembre 2022, su richiesta della città di Ginevra, ho moderato una dozzina di caffè narrativi con i/le residenti di una casa di cura. Un’esperienza umana molto arricchente, che richiede maggiore capacità di adattamento e più creatività di altre per fronteggiare l’imprevisto.

“Cosa ci racconterà oggi?” Questa è la domanda che mi viene posta immancabilmente ogni volta che vengo chiamata a moderare un caffè narrativo con persone anziane che vivono in una casa di cura, prima ancora di aver avuto il tempo di spiegare l’idea di fondo e lo svolgimento del caffè narrativo al quale sono state invitate. E immancabilmente rispondo, con un ampio sorriso che spero piacevole e rassicurante: “Non sono io, sarete voi a raccontare la vostra storia!”, suscitando lo stupore generale. Questo approccio mi porta a credere che parlare di sé e delle proprie esperienze nel contesto di una casa di cura o di riposo avvenga tendenzialmente durante conversazioni private nell’intimità della propria stanza.

Su richiesta del Dipartimento della Cultura e della Transizione Digitale (DCTN) della Città di Ginevra, nell’ambito della promozione del sito web mirabilia.ch sono stati proposti dei caffè narrativi a circoli per anziani e a case di cura. L’obiettivo era presentare questa nuova piattaforma digitale a un pubblico di anziani e far conoscere loro il ricco patrimonio dei musei e delle istituzioni culturali della città. Così, tra giugno e dicembre 2022, sono stati organizzati quindici caffè narrativi, la maggior parte dei quali in case di cura, su argomenti ispirati ai temi trattati sul sito web mirabilia.ch, in questo caso il viaggio.

Conoscersi meglio… anche se ci si conosce già

In generale, e anche quando il piacere di partecipare non era sempre evidente all’inizio, i/le residenti in casa di cura hanno apprezzato molto questi momenti di conversazione rispettosa e di ascolto empatico. Anche se questi incontri non hanno raggiunto pienamente l’obiettivo di promuovere il sito mirabilia.ch, hanno permesso ai/alle partecipanti di esprimersi, di raccontare le loro esperienze, di scoprirsi e di conoscersi meglio al di là del contatto quotidiano.

Cosa ancora più importante: i caffè narrativi hanno (ri)dato a ogni persona un posto singolare e un’identità individuale all’interno del gruppo e hanno valorizzato le storie personali in modo ancora più forte perché i presenti hanno ascoltato con attenzione, senza interrompere, senza commentare, senza giudicare. “A differenza di quanto avviene di solito, si sono ascoltati a vicenda, senza interrompersi o contraddirsi”, ha osservato una collaboratrice presso una casa di cura. Le regole di discussione che si applicano ai caffè narrativi possono sembrare ovvie, ma si rivelano fondamentali in questo contesto.

Adattamento e creatività

La moderazione di caffè narrativi con anziani le cui capacità funzionali, cognitive o sociali sono tendenzialmente in declino pone delle sfide particolari. È necessario sapere adattarsi a circostanze impreviste e avere creatività “per modificare l’impostazione metodologica prevista e riprenderla poi quando risulta vantaggiosa per chi partecipa, in termini di riconoscimento, esperienza e interazione reciproca”, come sottolinea Johanna Kohn, docente presso l’Istituto per l’integrazione e la partecipazione della Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale e membro del team della Rete Caffè narrativi Svizzera.*

Considerando il viavai degli operatori e delle operatrici sanitari/e nella sala dedicata al caffè narrativo, sia per somministrare farmaci a un orario prestabilito, accompagnare qualcuno a una visita medica o integrare chi ha fatto un riposo pomeridiano prolungato, degli aggiustamenti sono sempre necessari. Quelli più frequenti hanno riguardato quattro aspetti:

  • Ritmo: con l’età, il ritmo rallenta. È quindi necessario adattare il modo in cui ci si rivolge alle persone, dare loro il tempo di comprendere la domanda, interpretare le parole che scelgono per esprimersi, riformulare se necessario e semplificare le domande.
  • Filo conduttore: talvolta è difficile mantenere il filo conduttore del caffè narrativo, sia da un punto di vista tematico, perché i/le residenti hanno bisogno di affrontare anche le preoccupazioni quotidiane del momento, sia da un punto di vista cronologico, perché è più difficile per loro parlare di sé nel presente, o addirittura proiettarsi nel futuro.
  • Presa di parola: gli anziani che hanno partecipato ai caffè narrativi in casa di cura mi sono sembrati più in difficoltà a intervenire spontaneamente rispetto agli altri gruppi. Ecco quindi la necessità di un giro iniziale di presentazioni in modo che tutti possano dire il proprio nome e far sentire la propria voce almeno una volta; ciò ha permesso di instaurare un clima di fiducia e, in seguito, di chiamare per nome le persone che sembravano volersi esprimere ma che non osavano farlo senza essere invitate.
  • Udito: molte persone anziane hanno problemi di udito. È quindi importante parlare ad alta voce e lentamente. Purtroppo, queste accortezze non sempre sono sufficienti e a volte creano frustrazione e fastidio nel gruppo. In una delle case di cura, un residente con problemi di udito è stato dotato di una cuffia collegata a un microfono. In modo del tutto naturale, il microfono è diventato un “bastone della parola”, che è stato poi passato a tutti/e coloro che volevano raccontare la loro storia.

Anche l’emozione non è mancata in questi incontri in casa di cura, sia sotto forma di risate che di lacrime. “Si sono creati nuovi legami tra persone che, senza saperlo, avevano punti in comune nelle loro storie di vita”, ha riferito qualche giorno dopo una collaboratrice che era presente al caffè narrativo. “Si è instaurata una sorta di complicità tra le persone che hanno partecipato, condividendo la sensazione di aver vissuto insieme qualcosa di speciale”.

Autrice: Anne-Marie Nicole

Johanna Kohn, “EB Erwachsenbildung. Vierteljahresschrift für Theorie und Praxis” (Formazione degli adulti. Pubblicazione trimestrale di impostazione teorica e pratica), Quaderno 4, 66° anno, 2020, a cura di Educazione cattolica degli adulti Germania (Katholische Erwachsenenbildung Deutschland – Bundesarbeitsgemeinschaft e. V.)

Lo scorso 26 novembre, la Bibliothèque Sonore Romande di Losanna ha ospitato una dozzina di persone per il suo primo caffè narrativo. Si è trattato per giunta di un caffè narrativo inclusivo, dato che ha riunito persone affette da deficit visivi, volontarie e volontari della biblioteca nonché lettrici e lettori. Il tema dell’evento era “Le nostre storie di lettura”. Visto il successo riscosso da questa prima edizione è probabile che l’esperienza verrà ripetuta. Le co-moderatrici Pascale Ernst e Florence D. Perret hanno risposto ad alcune nostre domande.

Intervista: Anne-Marie Nicole

Cosa vi ha ispirato e motivato a organizzare questo caffè narrativo? 

Il caffè narrativo è stato realizzato presso la Bibliothèque Sonore Romande (BSR), la cui utenza è costituita prevalentemente da persone non vedenti. La direttrice di questa biblioteca organizza una volta al mese degli aperitivi letterari allo scopo di riunire le persone che prestano volontariato (lettrici e lettori) e quelle che prendono in prestito gli audiolibri. Avendo partecipato a titolo personale a uno di questi eventi, Florence ha proposto alla direttrice la formula dei caffè narrativi. Il nostro obiettivo era far emergere racconti sulle esperienze di lettura.

 

Quali erano le storie da far conoscere?

Un primo colloquio con la direttrice della BSR ha consentito di confrontarci sulle domande che intendevamo porre. La direttrice desiderava che permettessimo alle lettrici e ai lettori, così come alle uditrici e agli uditori, di avere un confronto sulle proprie esperienze personali. Dal canto nostro, avevamo preparato delle domande più classiche concernenti l’influenza dei libri sulla loro vita. Abbiamo quindi rispettato la struttura dei “normali” caffè narrativi, aggiungendo la dimensione specifica della lettura ad alta voce e dell’ascolto dei libri.

 

Come avete reso accessibile il vostro caffè narrativo? 

La presenza di persone con handicap visivi ci ha spinte a prestare particolare attenzione alla dimensione vocale. Pertanto, abbiamo dato il via al caffè narrativo con un giro di interventi in cui tutte le persone partecipanti sono state chiamate a dire il proprio nome e a fornire un esempio di lettura in corso o recente. Questo ha consentito di fare gruppo e di dare un riferimento spaziale alle persone ipovedenti.

Quali sono state le sfide e come le avete affrontate? 

La moderazione in coppia ha consentito una piacevole alternanza nella gestione delle diverse fasi del caffè narrativo. Allo stesso modo, abbiamo illustrato a turno i dettagli delle regole da seguire. Avevamo predisposto un filo conduttore ricco e vario. Durante la moderazione abbiamo privilegiato la qualità degli scambi rispetto alla quantità delle domande. In questo modo abbiamo adattato il ritmo della moderazione in funzione delle persone partecipanti, saltando di tanto in tanto determinate domande.

 

C’è un momento che ricordate come particolarmente significativo?

Sì. Avevamo previsto una domanda sulla sfera sensuale del libro, ma molte persone hanno affrontato la tematica ancor prima che ponessimo il quesito. Questa armonia di intenti ci ha meravigliato! Prima o dopo, la maggior parte delle persone presenti ha mostrato la propria vulnerabilità, creando dei momenti di intima dolcezza. Volontarie, volontari, persone ipovedenti, accompagnatrici e accompagnatori hanno condiviso dei frammenti molto toccanti delle proprie esperienze legate ai libri.

 

Rete caffè narrativi Svizzera diventa un’associazione. L’attuale team di progetto continuerà a promuovere la diffusione dei caffè narrativi e la loro attenta moderazione anche in futuro.

La Rete caffè narrativi Svizzera è stata fondata nel 2015 sotto forma di progetto di cooperazione tra il Percento culturale Migros e la Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (FHNW). Negli ultimi anni si è trasformata in una rete nazionale di persone che traggono ispirazione dal metodo del caffè narrativo.

Il Percento culturale Migros rafforza la coesione sociale, confrontandosi costantemente con gli sviluppi attuali della società e offrendo input temporanei. Il Percento culturale Migros ha seguito da vicino la Rete caffè narrativi durante la fase pilota e di avviamento.

Adesso la Rete caffè narrativi si trasforma in un’associazione indipendente con un nuovo ente promotore. Per assicurarne la sostenibilità, il Percento culturale Migros continuerà a supportare la Rete finanziariamente anche nel 2023 e nel 2024.

Rhea Braunwalder e Marcello Martinoni saranno lieti di informarti personalmente dei cambiamenti in atto:

lunedì 5 dicembre 2022, dalle ore 12.30 alle 13.30, su Zoom

Saremo molto felici se continuerai a sostenere la Rete anche in questa nuova forma. Marcello Martinoni (italiano), Anne-Marie Nicole (francese) e Rhea Braunwalder (tedesco) sono a tua disposizione per eventuali domande.

Nel giugno 2022 la Rete caffè narrativi è stata ospite presso lo Schlossgarten Riggisberg. La moderatrice Nisha Andres racconta come con i suoi caffè narrativi sia in grado di far incontrare le persone residenti e la popolazione locale per un confronto informale.

Intervista: Anina Torrado Lara

Presso l’idilliaco Schlossgarten Riggisberg vivono circa 270 persone.

Che esperienza ha con i caffè narrativi?

Nisha Andres: Allo Schlossgarten Riggisberg abbiamo avuto le prime esperienze con i caffè narrativi già prima della pandemia. Per questo ci ha fatto particolarmente piacere ospitare tavola rotonda del 2 giugno 2022! Io stessa modero caffè narrativi e trovo che questa formula sia particolamente adatta a far incontrare le persone in modo informale e ad abbattere le barriere mentali.

Come riesce a farlo allo Schlossgarten?

La nostra competenza chiave è l’inclusione. Lo Schlossgarten si trova a breve distanza dal paese di Riggisberg e offre molte opportunità per stringere contatti: dal negozio Eggladen e il ristorante Brunne fino a eventi come il mercatino di Pasqua, il cinema all’aperto o la festa d’estate, sono molte le iniziative che proponiamo. Il nostro obiettivo è cercare di abbattere le barriere. Succede così che le allieve e gli allievi della scuola vengano spontaneamente al corso di nuoto, che alcuni bambini del paese frequentino il nostro asilo nido e che vendiamo nei mercati i prodotti che realizziamo. Qualche abitante del paese, purtroppo, continua a mostrare reticenza nell’entrare in contatto con persone che reputa essere diverse.

Come reagiscono le persone che risiedono allo Schlossgarten Riggisberg a queste barriere mentali?

Una delle nostre ospiti una volta ha detto: “Serve semplicemente una frase o un sorriso che rompa il ghiaccio per abbattere le barriere”. Lavoriamo ogni giorno per promuovere attivamente lo scambio. Questo funziona bene anche ai caffè narrativi, perché rappresentano occasioni per comunicare in modo gentile, rispettoso e aperto.

Che impressioni le ha lasciato la tavola rotonda?

È stata una giornata bellissima, in cui l’inclusione è stata vissuta in modo molto intenso. Hanno partecipato tantissime persone interessanti e abbiamo apprezzato gli interventi di Johanna Kohn e Gert Dressel. Erano presenti anche persone sordomute accompagnate da interpreti, persone in sedia a rotelle e residenti dello Schlossgarten con malattie psichiche. Uno dei residenti ha detto: “Non avrei mai pensato che si potesse dialogare in maniera così profonda con delle persone sordomute! Mi sono reso conto che esistono anche altre persone con disabilità diverse”.

Qual è il suo consiglio per i caffè narrativi?

Non avere paura di dire qualcosa di sbagliato! Anche a me a volte capita di sentirmi insicura. Vorrei incoraggiare le altre persone ad affrontare la propria insicurezza e a formulare pensieri schietti. Non serve riflettere troppo, basta semplicemente chiedere: “Sono un po’ in dubbio, come posso chiamarti?” oppure “Devo guardare l’interprete o la persona che sta parlando?”. Come moderatrice ho il compito di far notare l’elefante nella stanza. Allora a volte intervengo dicendo: “Mi sto sentendo un po’ a disagio, vale anche per voi?”.

Lo Schlossgarten Riggisberg ha ospitato la tavola rotonda della Rete caffè narrativi (foto: Rhea Braunwalder).

Schlossgarten Riggisberg

Presso lo Schlossgarten Riggisberg vivono circa 270 residenti con disabilità mentali e/o fisiche e lavorano circa 350 collaboratrici e collaboratori. Le persone residenti possono essere occupate in posti di lavoro protetti: nel laboratorio vengono preparate spedizioni, imballati materiali per elezioni e votazioni o fabbricati prodotti. Nel vivaio ci si prende cura del verde comune e si coltivano erbe aromatiche. Molto apprezzata è anche la possibilità di collaborare in cucina, nel ristorante o nella vetreria. La creatività può essere espressa negli atelier, nella manifattura e nell’integrazione lavorativa a bassa soglia.

L’intervistata in breve

Nisha Andres lavora allo Schlossgarten Riggisberg dal 2016. Quale responsabile del settore consulenza e integrazione è la referente per residenti, collaboratrici e collaboratori che si trovano in situazioni di difficoltà. Dopo essersi formata come commerciante al dettaglio, parallelamente all’attività professionale ha conseguito il titolo di pedagogista sociale. Dal 2022 è attiva in diverse istituzioni sociali. Ha molta esperienza nei rapporti con le persone con deficit cognitivi e malattie psichiche nonché pazienti che seguono terapie palliative.